L’Alzheimer è senz’altro la forma di demenza più diffusa nella popolazione anziana, con una stima del 20% di incidenza negli over-85.

Una diagnosi di questo tipo getta nello sconforto non solo il malato, per via del progressivo deteriorarsi delle capacità cognitive a cui è destinato, ma anche delle famiglie che dovranno farsi carico di una malattia cronica e molto invalidante.

Il solo nome “Alzheimer” ci fa paura, ma conoscere la malattia può aiutare ad averne meno timore!

Presso A TE CLINICS Poliambulatorio puoi prenotare una visita specialistica in neurologia in brevissimo tempo.

Cos'è l'alzheimer?

La malattia di Alzheimer è una patologia neurodegenerativa che colpisce le cellule cerebrali, soprattutto quelle deputate al controllo delle funzioni cognitive come la memoria e l’orientamento.

In Italia vi sono 1,2 milioni di persone a cui è stata diagnosticata demenza e l’Alzheimer è la più comune malattia neurodegenerativa.

Colpisce di più le donne, soprattutto sopra gli 85 anni, ma sembra che questo sia dovuto semplicemente al fatto che le donne vivono più a lungo e che quindi sono maggiormente a rischio visto che l’incidenza della malattia aumenta notevolmente all’aumentare dell’età.

Quali sono i sintomi premonitori di demenza?

L’Alzheimer ha un decorso progressivo ed inizialmente i sintomi sono molto lievi, spesso insignificanti per il paziente, ma possono essere notati dalle persone con cui è frequentemente a contatto.

Il primo sintomo a comparire è senz’altro una ingravescente perdita della memoria recente (il paziente dimentica di aver fatto delle cose di recente, di aver avuto conversazioni), accompagnata a volte da difficoltà ad orientarsi nel tempo (ricordare in che giorno siamo, il mese, l’anno…).

Quando la malattia evolve possono comparire disorientamento spaziale, perdita della memoria a lungo termine, difficoltà nel linguaggio e disturbi del comportamento.

Se hai riconosciuto qualcuno di questi sintomi, è bene rivolgersi ad un neurologo che possa aiutarti a chiarire la situazione.

L'Alzheimer si può prevenire?

Esistono dei fattori di rischio genetici per l’Alzheimer, ma anche dei fattori di rischio legati allo stile di vita.

Questi ultimi sono modificabili e quindi giocano un ruolo chiave nella sua prevenzione.

In particolare smettere di fumare e assumere alcolici, seguire una dieta sana e fare attività fisica, tenere sotto controllo glicemia, pressione e colesterolo e stimolare le funzioni cognitive sono tutti accorgimenti fondamentali per prevenire l’insorgenza della demenza senile.

Esiste una cura per l'Alzheimer?

I farmaci in uso per curare l’Alzheimer possono controllare e mitigare l’effetto dei sintomi, ma non curano la malattia.

Ad oggi non esiste una cura per l’Alzheimer, ma la ricerca è molto attiva in questo campo e si spera che si possa trovare una cura al più presto.

Nel frattempo è bene ricordare che anche la famiglia del paziente ha diritto ad essere assistita nell’affrontare questa diagnosi e nel percorso di cura e assistenza che intraprenderà il malato e chi se ne farà carico.

Presso A TE CLINICS Poliambulatorio è attivo il servizio privato di Neurologia.